WangZhuangFei-1-largeWang Zhuang Fei, erede del Bagua Zhang, inizi? a studiare sin da piccolo arti marziali ed era molto dotato nel combattimento, a un livello tale da non avere rivali con un colpo di palmo scaraventava lontano i suoi avversari e non c?erano persone in grado di avvicinarsi a lui.

All?et? di quindici anni, suo suocero Diao Yu Ting lo aveva presentato al maestro della seconda generazione di Bagua Zhang,?Gong Bao Tian, famosissimo per essere stato il capo delle guardie imperiali della Citt? Proibita, insignito direttamente dall?imperatore con la veste tradizionale gialla.

Gong si stabil? a casa sua e per 10 anni e Wang studi? a fondo questo stile, dormendo e mangiando nella stessa stanza con il suo maestro. Da quando conobbe Gong BaoTian, non ebbe pi? rivali.

Al fine di migliorare ulteriormente la sua tecnica ed elevare il suo livello nelle arti marziali, volle guardarsi intorno per conoscere e scontrarsi con altri praticanti. Pubblic? per un lungo periodo sul giornale Zhi Bo un annuncio in cui invitava i pi? grandi esperti di arti marziali a misurarsi con lui, offrendo in cambio un?ingente somma.

Con grande rammarico, non incontr? mai nessuno alla sua altezza. Wang non ebbe mai paura dei prevaricatori: in un?occasione, ad esempio, grazie alla tecnica ?BaiYuanXianTao? sconfisse con facilit?, durante la seconda guerra mondiale, un famoso traditore chiamato Wang, facendo cos? tirare un sospiro di sollievo a tutti i cinesi oppressi dalla dominazione straniera.

slideBaguazhangHistorical111

Il M. Zhang Du Gan in allenamento con Wang Zhuang Fei

Wang Zhuang Fei, fiero e valoroso, da giovane combatt? contro una trentina di scaricatori di porto tra cui erano presenti anche abili praticanti di arti marziali, scaraventandone alla fine molti in mare.

Tra gli sconfitti era anche Zhu DeFu, famoso per aver combattuto e vinto contro un campione russo: Zhu, dopo la disfatta, si prostr? chiedendo di poter diventare allievo di Wang. Ma si tratta di uno solo tra i tanti aneddoti su questo grande maestro.

In ogni caso Wang ZhuangFei si dedic? corpo e anima alle arti marziali, combatt? innumerevoli volte ma non assaggi? mai il sapore amaro della sconfitta. Allo scopo di diffondere il grande stile di cui era erede, insegn? arti marziali sia alle forze speciali che alla flotta est della marina cinese in qualit? di massima autorit? del baguazhang originale.

Successivamente ebbe un posto d?onore all?interno della sezione di storia e cultura del comune di Shanghai: fu la prima volta che un esperto di arti marziali veniva accolto all?interno di questa sezione.

Wang ZhuangFei diede un enorme contributo alla diffusione del baguazhang.

Quando aveva circa 80 anni venne invitato alla manifestazione dei ?pi? grandi stili di arti marziali del mondo? che si svolgeva a Singapore: la sua attesissima dimostrazione di combattimento venne acclamata da tutti i presenti.

Come forma di rispetto gli fu donato uno stendardo con sopra scritto ?il gong fu divino sovrasta il mondo? e ?la stella guida nel firmamento delle arti marziali?.